Panca piana con bilanciere o manubri: le differenze

Panca piana con bilanciere o manubri: le differenze

panca-piana-con-bilanciere-o-manubri-differenze

Sono entrambi attrezzi efficaci per sviluppare muscoli come pettorali, deltoidi anteriori, tricipiti e bicipiti. Ma quando devi scegliere quale usare nei tuoi esercizi di spinta il dubbio ti viene: meglio eseguire la panca piana con bilanciere o manubri?

È davvero difficile dirti quale sia la soluzione giusta per te. E non è neppure scontato che tu debba per forza escludere una delle due opzioni. Per fare una scelta consapevole, l’unico modo è comprendere il diverso impatto che gli esercizi con bilanciere e manubri possono avere sulla tua muscolatura.

Dunque, inutile indugiare oltre. Vediamo quali sono le peculiarità che possono offrirti questi due attrezzi nelle tue spinte su panca piana, per capire quando e perché usarli.

 

Panca piana con bilanciere o manubri, cos’è meglio per il tuo allenamento?

 

Gli esercizi sulla panca piana sono un modo fantastico per ottenere una grande contrazione sui muscoli del petto nel suo insieme, ma anche su spalle e tricipiti. Bilanciere e manubri sono ambedue notoriamente efficaci per allenarti, sia che tu voglia un particolare focus su un muscolo o stia puntando all’aumento generale della massa muscolare.

Nonostante la panca piana con bilanciere o manubri sembri offrire esercizi simili, esistono delle differenze fondamentali. Entrambi offrono vantaggi e svantaggi. In molti si chiedono quale dovrebbero preferire tra i due. Mettiamo l’uso del bilanciere e dei manubri l’uno contro l’altro e vediamo se c’è davvero un vincitore per i tuoi esercizi sulla panca piana.

 

Panca piana con manubri: quando usarli?

 

La caratteristica principale di lavorare con i manubri è l’ampiezza del movimento. L’intrarotazione è molto più estesa e questo ti consente una contrazione intensa del gran pettorale.

Rispetto al bilanciere, l’uso di due manubri nella distensione su panca richiede di impiegare un numero maggiore di fibre e muscoli. Il lavoro sviluppa al massimo la propriocettività dovendo gestire i 2 manubri nello spazio e nelle traiettorie per eseguire correttamente l’esercizio. Usi un numero enorme di muscoli per mantenere i pesi bilanciati e sulla giusta gamma di movimento, il che è ottimo per costruire la forza funzionale. Sei tutto tu, e non fai affidamento sull’attrezzatura.

Inoltre, quando hai un peso in ogni mano, non puoi fare conto sul tuo lato più forte per proseguire nell’esercizio. Quindi, non corri il rischio di sviluppare i muscoli in modo disequilibrato in aree specifiche. Anzi, puoi preferire l’utilizzo dei manubri per tutti quegli esercizi complementari che interessano muscoli più piccoli e, di conseguenza, necessitano di carichi più bassi.

Riassumendo, tra esercizi su panca piana con bilanciere o manubri, i vantaggi di questi ultimi non sono da sottovalutare. Consentono un movimento svincolato delle mani e, dal punto di vista coordinativo, assecondano meglio le differenze tra i muscoli e riequilibrano la forza.

Inoltre, le spinte su panca piana e manubri ti consentono una maggiore libertà di movimento. Il corpo non rimane bloccato, ma puoi compiere micro-aggiustamenti e rendere il lavoro più confortevole. Oltre a modificare la profondità e l’angolo nello stesso esercizio, per un allenamento completo.

Nel complesso, i manubri sono migliori come esercizio generale e sviluppano la forza funzionale in modo sicuro e naturale. Per questo motivo, sono più difficili da usare e, almeno finché non sarai abbastanza pratico, potresti non vedere risultati altrettanto buoni sui pettorali rispetto all’uso del bilanciere. Quest’ultimo, infatti, rende molto più facile sovraccaricare il petto. Vediamo, nel dettaglio, come funziona.

 

Panca piana e bilanciere: che la forza sia con te

 

Carichi elevati e obiettivi di forza portano a una coppia vincente: panca piana e bilanciere. È una scelta iconica e, di sicuro, l’uso del bilanciere offre i migliori esercizi su panca. Ma è l’opzione giusta, oltre che più pratica e sicura, per te?

Il vantaggio più grande nell’uso del bilanciere, rispetto alla panca con manubri, è che ti permette un efficace sovraccarico progressivo. La forma del bilanciere rende molto più facile fare affidamento quasi esclusivamente sui tuoi pettorali, piuttosto che su qualsiasi altro muscolo. Non hai particolari problematiche di equilibrio, e questo lo rende incredibilmente efficace per spingere il tuo petto al suo limite e fare progressi seri sui muscoli pettorali.

L’asta del bilanciere si appoggia sui supporti della panca piana, e in questo modo risulta più semplice e sicura da sollevare. Puoi eseguire il tuo lavoro in totale tranquillità e il carico sarà, appunto, bilanciato.

Inoltre, il bilanciere garantisce maggiore stabilità soprattutto per quanto riguarda il lato più debole che ciascuno di noi ha (il lato sinistro per i destrimani, il lato destro per i mancini). I muscoli dominanti possono sopperire alle mancanze di quelli più deboli.

Dunque, se il tuo obiettivo principale è lavorare sulla forza massimale, ovvero sollevare il peso più alto possibile, il bilanciere è l’attrezzo adatto. Ricapitolando, ecco i principali vantaggi di lavorare con il bilanciere:

  • puoi incrementare gradualmente il lavoro di carico su entrambi i lati del corpo;
  • consente di regolare i pesi di cui hai bisogno con facilità, oltre a offrirti supporto per iniziare e finire i tuoi set;
  • è ideale per serie ad alto carico e basse ripetizioni, o per un allenamento piramidale in cui diminuisci le ripetizioni e aumenti il peso a ogni serie;
  • alleni anche la velocità di esecuzione, con un particolare stimolo della potenza muscolare.

Infine, l’uso del bilanciere per i tuoi esercizi su panca piana è anche un modo fantastico per iniziare ad allenarti. Gli esercizi con i manubri sono più difficili da completare ed eseguire. Perciò, se sei un principiante, usare il bilanciere è il modo più rapido per costruire muscoli e vedere progressi, a breve termine.

 

Meglio spinte su panca piana con bilanciere o manubri?

 

Come vedi una risposta definitiva non c’è. Eseguire le spinte su panca piana con bilanciere o manubri resta una scelta legata ai tuoi obiettivi di fitness.

C’è chi preferisce il bilanciere, semplicemente perché lo gestisce meglio e gli consente l’uso di carichi più elevati. Altri, invece, prediligono i manubri perché ritengono che facciano lavorare in maniera più completa e naturale il pettorale.

Tuttavia, l’ideale sarebbe non focalizzarsi solo su uno di questi due attrezzi, ma alternarli in modo da sfruttare i vantaggi di entrambi. E soprattutto, non correre il rischio di accentuare asimmetrie di forza o sviluppo della massa solo su alcuni muscoli. Alternare l’uso dei manubri al bilanciere ti permette così di lavorare in modo sinergico e ottenere il meglio da entrambi.

Se ti senti ancora nel pantano dell’indecisione, contatta i nostri esperti. Saremo felici di consigliarti gli attrezzi giusti in base ai risultati che vuoi ottenere dai tuoi allenamenti.

Home Fitness Center

See all author post